Spesa online, niente più code, tutto arriva a casa.

Su Ansa un interessante articolo sull’andamento delle vendite degli e-commerce alimentari della GDO.

In estrema sintesi ecco i dati riferiti all’anno passato con proiezioni a quello in corso:

– ESSELUNGA: 425 mila spese in un anno e un fatturato ’08 di 53 Milioni, con delta sull’anno prima di 25 punti percentuali.

– COOP: 17.000 ordini, +7% sul 2007.

molto indietro gli altri. I numeri ad ogni modo li trovo sbalorditivi considerando che nessuna di queste catene ha sviluppato un servizio nazionale ma solo parzialmente dislocato sul territorio. Esselunga che ha il servizio più esteso in termini di km quadrati, arrivare a servire solo 15 province!

se consideriamo poi che Auchan è ferma con il suo drive in solo nella mia Torino…

Se sommo tutti gli indizi mi viene da dire che se con cifre così interessanti, l’espansione del servizio non procede, significa solamente che l’investimento abilitante deve essere davvero esorbitante. In effetti se pensiamo al solo allestimento logistico da mettere in piedi per garantire una consegna che lasci inalterato il ciclo del freddo e del fresco dei generi alimentari, non deve proprio esser semplice.

E a proposito di e-commerce, ecco le ambizioni di Mediaworld in tre anni: passare da un fatturato di 36 milioni di euro a 50 milioni e gli accessi unici da 1 milione e 200 k a 6 milni e mezzo. Ma lo sappiamo, l’e-commerce dell’elettronica è molto più facile da gestire senza contare il fatto che Mediaworld non si è mai preocuppata di unire online e offline, presentando di fatto la sua proposta online come se fosse un’altra azienda. Questo le ha permesso di bypassare tutte le difficoltà che una integrazione multicanale si porta dietro.

 

Spesa online, niente più code, tutto arriva a casa.ultima modifica: 2009-11-02T10:04:14+01:00da webmarketer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento