Programmare il percorso di spesa sul web

Per i negozi di grandi superfici, dagli ipermercati ma anche al bricolage e specialisti di piante o giocattoli, è sicuramente un ottimo servizio quello della virtualizzazione della superficie di vendita.

 

Sapere infatti come spostarsi e dove trovare tutti i prodotti che si stanno cercando, facilita le operazioni di spesa nel mare magnum dei negozi da oltre 100.000 articoli e sopra i 5 mila metri quadri.

 

Nessuno ci ha mai pensato, o quasi.

 

leroy.jpgLeroy-Merlin ha pubblicato sul suo sito il virtual tour. Una semplice interfaccia flash mostra il posizionamento dei vari reparti e fornisce un esempio dei prodotti che vi si trovano.

 

Certo, si poteva forse fare qualcosa di più. Qualcosa che però ha, immagino, un forte impatto sull’organizzazione e sulle tecnologie aziendali, ma che in tal senso potrebbe aiutare davvero il cliente.

In primis occorre importare sul web l’intero assortimento e successivamente adottare e mappare uno stesso layout di punto vendita in tutta la rete, per evitare di dover continuamente monitorare negozio per negozio lo spostamento di tutta la merce in esposizione.

 

Risultato: se ho bisogno di un trapano a percussione e di tasselli per il legno, oltre al silicone, dovrei poter arrivare al negozio sapendo già che li trovo nella 1°, 5° e 6° corsia, rispettivamente nel primo ripiano del terzo scaffale and so on.Così mi pianifico gli spostamenti, trovo subito tutto, senza dover trovare l’addetto vendita del reparto che sto cercando, senza perdere tempo che fa innervosire moglie annoiata o figli desiderosi di sfogarsi al parchetto.

Chiaro il concetto? Il consumatore al centro di tutto; gli investimenti sia economici che organizzativi per un servizio completo in tal senso posso immaginare siano discreti, ma l’immagine di attenzione alle esigenze della propria clientela ne trarrebbe certo giovamento. Chi oserà spingersi oltre?

Programmare il percorso di spesa sul webultima modifica: 2009-09-04T09:29:00+02:00da webmarketer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento