MVNO possono sfruttare il web?

Nella GDO si sono visti negli ultimi due anni diverse insegne che hanno abbordato il business della telefonia mobile virtuale (MVNO) che si avvale sul concetto di acquisto di grandità quantità di traffico dati e telefonico dai leader per rivenderlo ai propri clienti, magari legandolo al core business aziendale come molla incentivazionale per l’acquisto e l’utilizzo.

 

E’ proprio questo ultimo passaggio che si è rivelato essere la notta più dolente; Auchan e Carrefour provano con attività tattiche a legare la propria compagnia telefonica al commercio classico e probabilmente riescono a mantenere una base solida di clienti fedeli che tengono in vita un business sulla carta molto precario.

 

Conad invece non ce l’ha fatta. E’ di ieri la notizia che dal 1° novembre chiuderà i battenti Conad Insim, l’MVNO del consorzio commerciale.

conad insim.jpg

Eppure, ne sono convinto, da sempre attorno alla telefonia mobile si genera un interesse in rete nelle fasce della popolazione più sensibili al mezzo (soprattutto i giovani). Utenti che sono sempre sul chi va là, pronti a sfruttare promozioni, comparare e ascoltare messaggi targettizzati, trovare stimoli, modelli da emulare, possibilità di farsi notare e sopprattutto offerte che possano risolvere le loro esigenze, non solo economiche.

 

Perchè queste neonate compagnie allora non si sono mai totalmente integrate con il canale online?

 

unomobile.jpg

Carrefour Mobile, fka Uno Mobile, ha cambiato il proprio nome (anche se ha mantenuto nell’url del sito il vecchio) e, tra quelle in attività sembra quella che un po’ più seriamente ha preso in considerazione il discorso online.

 

Oddio, mi sarei immaginato una integrazione con il sito principale dell’azienda, che sicuramente gode di un traffico e di una notorietà maggiore, tuttavia online offre tantissime informazioni ma ancora poche funzionalità degne di rilievo (non è possibile, ad esempio, ricaricare online o vedere il mio traffico telefonico…. in realtà non c’è proprio una area riservata ai clienti). E’ ancora il classico utilizzo di internet di qualche decade fa.

 

Di positivo ho notato con una veloce gogglata che Carrefour Mobile utilizza molto il canale online per la diffusione dei propri comunicati stampa, mentre invece nei vari luoghi di incontro ufficiali per gli amanti della telefonia mobile sul web l’insegna viene citata solo spontaneamente e non è mai presente ne con inserzioni pubblicitarie ne come attore attivo e attento (ma qui si entra nell’ambito delle nuove PR online di cui magari parlerò un’altra volta).

 

Infine troviamo Auchan che propone i pochi, scarni contenuti, della propria A Mobile sul sito dell’insegna, ma la pagina è statica e di davvero poco interesse per qualunque curioso ma soprattutto per i già clienti.

auchan.jpg

 

L’istantanea appena scattata ricorda tanto l’immagine di un assetato che ha davanti a sè un pozzo ma nessun secchio o carrucola, mentre a pochi passi scorre il fiume e si accanisce a trovare il modo per tirare su l’acqua dal fontanile.

 

 

MVNO possono sfruttare il web?ultima modifica: 2009-07-28T23:26:00+02:00da webmarketer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento