Nuovi paradigmi di business basati sulla reputazione online

Ho letto e vi segnalo questo interessante articolo dell’online marketing blog scritto da Flavia Rubino che parla dell’importanza della reputazione online come fattore chiave per la sostenibilità economica di impresa e dei nascenti modelli di business determinati da un cambiamento dei paradigmi relazionali sociali derivanti dalle logiche alla base del web collaborativo.

Oddio mi sembra di aver scritto un paragrafo da libro universitario, ma a dire il vero il concetto espresso (e spiegato ancor più nel dettaglio nell’articolo citato) è qualcosa in cui credo molto. E’ l’idea che ha fatto scattare la scintilla che mi ha portato a scrivere questo blog, che poi successivamente ho deciso di contestualizzare nel mondo della Grande Distribuzione perchè lo ritengo quello coi più alti potenziali ancora inespressi.

 

E’ questo il momento migliore in cui occorre investire nella propria reputazione online, passando da attività tattiche a una strategia di lungo periodo basata sull’engagement con il proprio pubblico. L’assenza di presenze sistematiche in tal senso, favoriscono a mio avviso una rapida ascesa di chi “osa prendere l’iniziativa per primo”. Questo si traduce non solo nel cavalcare il buzz del momento ma nell’adottare un nuovo stile di comunicazione basato sull’interazione con il proprio pubblico che porta alla costruzione di una immagine basata sull’affidabilità dell’azienda che prende sempre più forza e prestigio.

 

Non basta però la consapevolezza del cambiamento che sta avvenendo nel modo di comunicare tra le persone e le industrie, occorre anche un approccio responsabile, determinato ma soprattutto estremamente competente perchè di contro si rischia di incappare in incresciosi episodi di Astroturfing (La Sony ne sa qualcosa….) che ottengono risultati assolutamente controproducenti.

Buona lettura e buoni approfondimenti.

Nuovi paradigmi di business basati sulla reputazione onlineultima modifica: 2009-07-08T15:05:00+02:00da webmarketer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento