Walmart site-to-store

Guardo sempre all’estero per capire tendenze ed evoluzioni che, come venti occidentali, sferzeranno in un futuro sempre più prossimo anche il nostro Paese. Per l’online della Grande Distribuzione, i riferimenti sono molti, i casi di successo pure, più di tutti direi Sainsbury, Tesco ma soprattutto Walmart.

 

In particolare di Walmart avevo già parlato in questo articolo, e soprattutto avevo accennato alla modalità site-to-store, che permette il check immediato e l’acquisto online della merce presente in pdv, con possibilità di fissarne il ritiro fisico in negozio.

 

Da qualche settimana è live una versione Beta dell’ “online groceries“, ma anche pet e profumeria. Sembra il site-to-store, ma non si può comprare, solo vedere la disponibilità in negozio…. degli alimentari: è questa la grossa novità.

 walmart groceries.jpg

 

Già il servizio di per se lo trovo molto utile per un utente/cliente per programmare la sua spesa tamite il web, senza dover per forza cercare spasmodicamente la propria marca di burro d’arachidi preferita in negozio e solo dopo mezz’ora scoprire chwe non c’è.

 

In questo articolo del Financial Times  però si guarda oltre, per il quotidiano finanziario la strategia online di Walmart è Beta, proprio per valutare il grado di utilizzo e interesse intorno al mondo dello scatolame da parte dell’utenza web, notoriamente disinteressata a questi articoli.

 Nel caso l’interesse verso i prodotti in vendita dovesse essere elevato, allora implementare uno site-to-store alimentare sarebbe la chiusura del cerchio: tutta la spesa la si potrà programmare online e ritirare in punto vendita. Interessante ad ogni modo, nel caso fosse questa la strategia, il procedere per step; questo non solo permette di studiare il comportamento degli utenti online ma anche di valutare alcune iniziative senza dover per forza lanciarle subito per poi tornare indietro rimettendoci la faccia (vero Esselunga?).

 

Sempre dal Financial Times del 3 novembre infine leggo a pagina 230 un intervista a Eduardo Castro-Wright, direttore generale divisione negozi USA di Walmart che afferma come metà dei ricavi dell’e-commerce del sito walmart  sia derivante proprio dal site-to-store.

 

 

 

Walmart site-to-storeultima modifica: 2008-11-09T19:40:00+01:00da webmarketer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento