vendita contenuti digitali dei media online, GDO lontana

Prendo spunto dall’intervento presso una lezione dell’Università di Parma di Giuseppe Zuliani, direttore marca commerciale di CONAD, citato da The Web 2.0 era in merito alla possibilità per una Insegna GDO di rivendere contenuti media digitali sul proprio sito web.

 

Tendenzialmente un’operazione facile, a stock zero, solo setup iniziale e riversamento dei diritti d’autore per l’acquistato, su cui, immagino, si potrà anche ben marginare. Nessuno reso, nessuna contestazione sul contenuto dell’acquisto, cliente felice e soddisfatto.

 

Poi però ci si trova di fronte a uno scenario in cui ormai i media sono in caduta libera, quelli fisici perdono colpi anno su anno, soprattutto i musicali, ma anche i video. La pirateria avanza inarrestabile e intacca anche i media digitali. A fronte di ciò, pare che in Italia un unico player sia in grado di fornire in white label un servizio di download discografico digitale completo con un costo di setup non proprio contenuto.

 

Conad quindi si dice totalmente disinteressata al business, ma in effetti la marca, nel suo approccio al web, è sempre stata un po’ fredda. Nessun investimento pubblicitario degno di nota e praticamente nulle le attività di lead generation o viral. Insomma, più volte ho rimarcato come Conad usi il web più per  fare branding, per dire “anche io ci sono”, che come vero e proprio strumento strategico per il business.

 

Su questa base, sfido io che non si spianeranno mai la strada per possibili evoluzioni commerciali su Internet.

 

Come nota giustamente Tassi, autore del blog da cui ho preso spunto: “Lo sviluppo del branding distributivo nei servizi passa prima per altri mercati (penso a quello assicurativo, per esempio) che possono essere meglio “aggredibili” nell’ottica di uno sviluppo del business.”

 

All’interno dei negozi, aggiungo io, questo processo è già in corso, negli ipermercati, ma non solo, da poco anche alcuni supermercati stanno cominciando a vendere servizi addizionali (vedi Lidl, GS…) ma da qui a vedere la rivendita degli stessi servizi online senza prima essersi costruiti una reputazione in rete e un “giro di visitatori stabile” è una impresa impossibile: nel deserto, è difficile vendere acqua se prima non fai in modo che tutti gli assetati passino dalla tua oasi. E questa curva di apprendimento del navigatore web su dove può fare riferimento per le sue necessità di acquisto non lo si può costruire in breve tempo.

vendita contenuti digitali dei media online, GDO lontanaultima modifica: 2008-11-02T11:59:00+01:00da webmarketer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento