Mediaworld branding 3.0 e social network

Ho letto su Italia Oggi del 1 ottobre una articolo – intervista a Bernasconi, CEO di Mediaworld, dal titolo Mediaworld si dà al social network.

Nell’articolo, l’azienda, leader in italia nella vendita al dettaglio di Elettronica di consumo, parla delle potenzialità che offre il web come nuovo strumento di contatto con il cliente, non più in ottica one-to-many come era considerato Internet fino a qualche anno fa; non si parla neanche più di web 2.0 dove a creare il contenuto sono gli utenti; si parla bensì di Branding 3.0.

Questa evoluzione è attualmente in fase di studio e sono veramente curioso di vedere quali esiti darà ma le premesse per un caso innovativo e di successoci sono tutte.

Le dichiarazioni in merito a dire il vero sono ancora vaghe, si parla di “un nuovo canale di comunicazione coi propri clienti che integrerà la funzione informativa e di confronto sui prodotti (tipo comparatore prezzi, quindi col rischio di esporsi all’esterno oppure comparazione interna, come permette di fare ad esempio E-bay, quando si è indecisi tra più prodotti?), tipica del social network, con le risposte sul web del venditore del negozio“. E ancora : “La nostra idea prevede di integrare le domande e le opinioni dei consumatori più fedeli al nostro marchio (quindi utenti profilati via web oppure possessori di carta?) con le spiegazioni professionali fornite  dai nostri operatori […]” e infine: “non escludiamo di integrare […] anche la voce dei fornitori per rispondere su alcune specifiche dei prodotti

Mediaworld è sempre stata molto attenta  al canale web come strumento complementare di comunicazione, prima, e di vendita poi. Nella GDO Italiana è stata, al pari di una precoce Esselunga, precursore e ancora una volta segna una svolta.

Guardiamo con interesse a questo nuovo progetto che sulla carta sembra davvero interessante. Se di successo, questa operazione potrebbe:

  • garantire un’ulteriore agevolazione all’utente che timidamente si affaccia al web, cercando di simulare nel virtuale il contatto diretto che avverrebbe nel reale tra addetto vendita e cliente
  • creare ancora più credibilità per l’insegna, creare engagement con il cliente e consolidare la sua immagine di specialista
  • essere l’ennesimo traino per le altre aziende della Grande Distribuzione che inseguono dalla distanza Mediaworld, con timidi approcci al web (Unieuro, Carrefour, Iper)

Stiamo a vedere…

Mediaworld branding 3.0 e social networkultima modifica: 2008-10-17T14:32:00+02:00da webmarketer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento